Home Calcio Calcio - Categorie minori GRIFONE GIALLOVERDE: INTERVISTA AL VICE PRESIDENTE MASSIMO PROVENZA

GRIFONE GIALLOVERDE: INTERVISTA AL VICE PRESIDENTE MASSIMO PROVENZA

7 min read
0
0
777

Parte una nuova Stagione Sportiva: quali sono i principali obiettivi perseguiti dal Grifone Gialloverde e su quali aspetti ponete particolare attenzione? L’associazione fin dalla sua nascita ha cercato di perseguire Il fine di consentire ai ragazzi di crescere in un ambiente sano nella convinzione che lo sport, esercitato nel modo piu’ esemplare possibile, aiuta a fortificare il carattere istillando valori culturali determinanti per la formazione dei giovani. La conoscenza reciproca, l’aggregazione, il coinvolgimento e l’integrazione degli iscritti rappresentano una risorsa imprescindibile per tutto il movimento.

Il Vice Presidente Massimo Provenza insieme al Responsabile Scuola Calcio Gennaro De Rosa

Ambizioni e obiettivi: quali le aspettative del Grifone in relazione all’Agonistica per la prossima stagione? Le ambizioni dell’agonistica ? Dopo aver raggiunto con tutte le nostre squadre le serie Regionali è tempo di tentare il grande salto puntando, almeno per alcune categorie, all’elite ecercando, per le altre di conservare lo status raggiunto.

Il Grifone Gialloverde negli ultimi anni si è reso protagonista di una continua crescita come Società, in termini di numeri e di organizzazione. Quali sono i valori portanti del vostro progetto sportivo? La Società si è sviluppa negli anni con una meritoria attività formativa in ambito calcistico, dapprima a beneficio dei soli figli di appartenenti al Corpo e successivamente anche nei confronti degli esterni. Questo ha permesso di far crescere il numero degli atleti fino agli attuali 500 iscritti, con ben 16 squadre. Merito di questa grande crescita è la capacità di impostare fin dai primi passi, il calcio non solo come spettacolo o “passatempo”, ma come strumento per educare bravi uomini e buoni cittadini esaltando i lati positivi dello sport. Da noi, viene quindi interpretato il calcio come scuola di vita, incoraggiando tutti al rispetto per le regole, verso i compagni di squadra, gli avversari, il pubblico ed i direttori di gara. Il Grifone Gialloverde si prefigge in sintesi di rappresentare lo sport sano ed eticamente corretto.

Potete contare su tre importanti impianti sportivi. Un enorme vantaggio rispetto tante altre realtà. Qual è per voi il peso specifico di queste tre strutture? È  chiaro, come la possibilità di sviluppare il nostro progetto su tre impianti favorisce, anche sotto l’aspetto logistico, la crescita in termini di numeri dell’Associazione, ma vorrei però sottolineare la grande professionalità e competenza del nostro quadro tecnico e amministrativo che ci ha permesso di disporre di una struttura consolidatasi nel tempo attraverso ruoli e responsabilità ben definiti e regole di funzionamento condivise e trasparenti. Ribadisco come i programmi e le politiche di gestione sono indirizzate in ogni momento dai più sani valori dello sport. Come già anticipato, il fine è quello di consentire ai ragazzi ed alle ragazze di crescere in un ambiente sano nella convinzione che lo sport, esercitato nel modo esemplare possibile, aiuta a fortificare il carattere istillando valori nei giovani utili alla loro formazione culturale e sociale.

Se si guarda a questa nuova Stagione appena partita, quali sono le ambizioni del Grifone Gialloverde? Diverse sono le ambizioni e i risultati da raggiungere. Innanzitutto, favorire l’integrazione tra il personale del Corpo della Guardia di Finanza, i loro famigliari ed i cittadini di Roma nel comune terreno dello Sport come strumento formativo ed educativo. Consentire alla cittadinanza di fruire delle strutture sportive situate in contesti militari e non di cui l’A.S.D. Grifone Gialloverde è concessionario. Sviluppare ulteriormente un polo di Calcio Femminile completamente gratuito, garantendo un’opportunità “rosa” oggi poco presente e coinvolta nel mondo del calcio per accogliere le bambine in un ambiente tutto per loro con Team esperti. Permettere una maggiore partecipazione ed integrazione a quei bambini ed a quelle famiglie che non possono accedere alle iscrizioni della Scuola Calcio, per problemi economico o logistici. Verranno inoltre erogate iscrizioni gratuite per le Case Famiglia e per le altre strutture di ragazzi meno fortunati nella misura del 5 per cento degli iscritti complessivi. Infine, per quanto concerne gli obiettivi puramente tecnici, come tutte le Società, ci auguriamo che siano costellati sempre da maggiori successi.

 

Load More Related Articles
Load More By PSM
Load More In Calcio - Categorie minori

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

DON BOSCO NUOVO SALARIO: POSSIBILITA’ PER TUTTI, AMBIENTE FAMILIARE E QUALITA’. I VALORI DELLA SCUOLA CALCIO BIANCOROSSA

Intervista a Daniela Rippa, Responsabile del Settore Calcio del Don Bosco Nuovo Salario. P…