Anzio Calcio 1924, il presidente Rizzaro: “Allo stato attuale è impossibile tornare in campo”

0
56
Cinecittà World

Cinquantacinque giorni, tanti ne sono passati dall’ultima giornata disputata in Eccellenza. Quasi due mesi in quarantena, senza calcio e con l’incertezza a fare da padrona sul futuro di questa stagione e di quelle a venire. Ne abbiamo parlato con il presidente Franco Rizzaro: «Riprendere il campionato, allo stato attuale, non è possibile. La Serie A sta facendo di tutto per tornare in campo e non è detto che ci riesca, la B e soprattutto la C sono in grande difficoltà, per i dilettanti è letteralmente impossibile seguire i protocolli e ricominciare senza che ci siano rischi. Ovviamente, in caso di sospensione definitiva dei campionati, si dovrà tenere conto delle classifiche per determinare i verdetti, promuovendo le squadre che hanno conquistato il diritto a salire di categoria e retrocedendo quelle che occupano le ultime posizioni. Lo stesso discorso deve essere applicato anche al settore giovanile, che tra l’altro ha già visto sospendere in via definitiva la stagione». Finisse così il campionato, la prima squadra dell’Anzio chiuderebbe all’undicesimo posto nel girone A di Eccellenza: «Il nostro bilancio è positivo, se teniamo presente quello che era il nostro budget ad inizio stagione. La prima squadra è sempre stata sopra la zona playout e poi c’è da sottolineare anche l’ottimo lavoro del vivaio. I numeri della Scuola Calcio sono importanti, le squadre dell’agonistica si sono comportate in maniera egregia. L’Under 17 e l’Under 14 possono sperare nell’Elite, che sul campo hanno dimostrato di meritare prima che arrivasse la sospensione mentre Under 15 e 16 hanno conquistato la salvezza nei rispettivi gironi regionali. L’anno prossimo vogliamo dare continuità al progetto, proseguire nel rilancio del settore giovanile e puntare ancora sulla linea verde anche in prima squadra».  Il presidente suggerisce la ricetta per evitare una crisi profonda nel calcio dilettantistico: «Questo è un mondo che si regge esclusivamente sulle spalle di imprenditori che decidono di investire risorse nel calcio. Con la crisi, sarà fondamentale sostenere le imprese perché altrimenti i presidenti non avranno più la possibilità di portare avanti le proprie società. Sostenere, però, non significa elargire denaro a fondo perduto come mi capita di sentir dire spesso ai politici quando accendo la tv, anche perché in vita mia non ho mai visto nessuno regalare i soldi giusto per il piacere di farlo». Infine un messaggio rivolto ai tifosi dell’Anzio e non solo: «Mi rivolgo a tutti i tifosi e gli sportivi del mondo: in questo momento dobbiamo avere pazienza e tenere duro per sconfiggere questo nemico invisibili chiamato Coronavirus. Sono sicuro che ci riusciremo e ripartiremo più forti di prima, come abbiamo sempre fatto».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.