Un’altra conferma nel Gruppo Stanchi Athena, è Paola Raiola: “Felicissima di esserci, lavoro per tornare al massimo”

0
42
paola raiola gruppo stanchi athena
Cinecittà World

Un’altra conferma nel Gruppo Stanchi Athena, che nel prossimo campionato di Serie A2 potrà contare su Paola Raiola. Playmaker classe 1999, era arrivata già nel corso della passata stagione, reduce da un infortunio al legamento crociato. Dopo pochissimo tempo, però, la brutta notizia di una nuova lesione che per lei ha significato la conclusione della stagione e la necessità di ricominciare da capo il percorso di recupero che la porterà a indossare nuovamente la maglia del Gruppo Stanchi Athena.

Paola, domanda non banale: come sai?
Sto molto meglio. Lavoro tanto, naturalmente non affretto i tempi. Voglio fare le cose con calma per cercare di recuperare al meglio, non facciamo previsioni perché è ancora presto, ma le cose stanno andando bene, questo posso dirlo.

Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
E’ stata una mazzata importante. Ma sono giovane e ho tempo. L’importante è starci con la testa, affidarsi alle persone giuste, avere pazienza e il resto viene da sé. E’ importante avere intorno persone che ti fanno stare serena, sapendo che se scegli di fare sport agonistico sono cose che possono capitare e bisogna imparare a passarci attraverso per superarle.

Eri venuta ad Athena con grande entusiasmo l’anno scorso. Lo spirito è ancora quello?
Lo spirito è ancora quello. Ci sono stata poco tempo, ma il progetto mi aveva entusiasmato. Questo mi ha spinto a venire ad Athena, mi fido di tutto ciò che è in programma e ho grande voglia di dare qualcosa di mio. Le prospettive sono ancora valide e mi sento parte di questo progetto importante. Sono arrivata con il progetto che stava prendendo forma. A gennaio già c’erano le prime mosse. E’ una bella realtà, può crescere tanto, è una bella novità. In giro se ne trovano poche di realtà così. Si può fare bene e sono contenta di esserci.

Che cosa ne pensi delle altre giocatrici che sono arrivate?
Alcune le conosco bene, naturalmente anche quelle incontrate da avversarie. I nomi sono importanti, si può fare bene, credo che possa venire fuori un bel gruppo, ben amalagamato tecnicamente.

Che cosa ne pensi dell’allenatore?
Mi sono già incontrata più volte con Goccia, mi ha parlato chiaro, punta su di me. E’ una situazione molto buona a livello tecnico e sono contenta di lavorare con lui, di cui avevo e ho stima.

Che giocatrice sei?
Sono un playmaker classico, mi piace far girare la squadra. Punto molto anche sull’aggressività e sulla difesa. Ora sono naturalmente concentrata sul riprendermi al meglio dal punto di vista fisico, poi mi concentrerò nel migliorare i miei difetti. Il tempo è dalla mia parte e ho le idee chiare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.